Andrea Canevaro

La strada indicata dalla Lettera è fatta di aiuti reciproci, di scambi, e di conflitti. Con apparente paradosso si può dire che la presenza di conflitti è una garanzia di ricerca di pace. Ma occorre sottrarre i conflitti al parametro della guerra. Bisogna rendere visibile la differenza tra i conflitti che esigono un vincitore e un vinto, e i conflitti che sono confronto nella ricerca. Il conflitto può aiutare a costruire relazioni più giuste; può fondare la legalità (e non la legge del vincitore); può essere fonte di sviluppo umano; il conflitto può insegnare ad esistere.

Parole chiave: Don Lorenzo Milani, conflitto, educazione, relazione

 

FIFTY YEARS ON LETTER TO A TEACHER

The path indicated by the Letter is paved with mutual help, exchanges, conflicts. Though apparently a paradox, we can say that the presence of conflicts is a guarantee of the search for peace. But we must remove conflicts from the parameter of war. The difference between conflicts demanding a winner and a loser and conflicts that are based on discussion within research must be made visible. Conflict can help to build fairer relations; it can establish legality (and not the law of the winner); it can be a source of human development; conflict can teach us to exist.

Key word: Don Lorenzo Milani, conflict, education, relations

Vuoi abbonarti o richiedere copia della rivista?


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.