Giovanni Ottoboni, Irene  Sciulli, Alessia Tessari

Imitare i gesti altrui è un lavoro complesso, governato da specifici meccanismi cognitivi. Alcuni modelli nel corso degli anni hanno ottenuto i risultati più apprezzabili nello spiegare i processi sottostanti all’imitazione. Pochissimi studi sono stati condotti, ma ciò che emerge è che il confronto tra schemi corporei può mettere ulteriore ordine all’interno del piano lungo il quale le teorie imitative possono essere collocate.

Parole chiave: apprendimento, emulazione, imitazione, teorie

Vuoi abbonarti o richiedere copia della rivista?


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.