Giovanni Ottoboni, Irene  Sciulli, Alessia Tessari

Imitare i gesti altrui è un lavoro complesso, governato da specifici meccanismi cognitivi. Alcuni modelli nel corso degli anni hanno ottenuto i risultati più apprezzabili nello spiegare i processi sottostanti all’imitazione. Pochissimi studi sono stati condotti, ma ciò che emerge è che il confronto tra schemi corporei può mettere ulteriore ordine all’interno del piano lungo il quale le teorie imitative possono essere collocate.

Parole chiave: apprendimento, emulazione, imitazione, teorie

Vuoi abbonarti o richiedere copia della rivista?