Antonio Cosentino

 

I bambini, come è noto, non si stancano di fare domande e, anche, di quelle che possono imbarazzare l’adulto. Ma non per questo il bambino è un filosofo nato. Se la Philosophy for children (P4C) ha titoli di legittimità, essi sono altri. In ogni caso, il suo obiettivo primario, con bambini di 5-6 anni, è quello di trasformare un gruppo in una “comunità di ricerca” mediante l’interiorizzazione della logica e dell’etica del dialogo.

 

Parole chiave: bambino-filosofo, comunità di ricerca, P4C, dialogo

 

 

Philosophical children

 

It is well known that children never tire of asking questions, even those that may disconcert adults. But this does not mean that children are natural born philosophers. The legitimacy of Philosophy for children (P4C) lies elsewhere. In any case, with 5 and 6 year old children, its primary aim is to transform a group into a “community of inquiry”, through the internalisation of the logic and ethics of dialogue.

 

Keywords: philosophical-child, community of inquiry, P4C, dialogue

 

Vuoi abbonarti?

Vuoi acquistare il fascicolo?

Vuoi acquistare la versione pdf?

 

Infanzia, n. 1 gennaio-marzo 2017

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.